Rosario per i defunti (in occasione delle sepolture)

Come e quando riprendere la preghiera del Rosario per i defunti, in questi tempi di pandemia, è stato il tema della riunione con i coordinatori di chi guida la preghiera e di chi accoglie all’ingresso della chiesa. 

Il Rosario per i defunti la sera precedente il giorno del funerale è il momento più partecipato; più delle esequie stesse. L’afflusso di persone in numero superiore ai posti disponibili in chiesa in questo periodo, unito alla difficoltà a gestire ingressi e uscite e rispetto delle norme ancora in vigore (distanziamento, uso della mascherina, igienizzazione) ha portato alla decisione di attendere ancora per ripartire. Pronti a farlo se, ad esempio, decadesse almeno l’obbligo del distanziamento interpersonale: in questo caso sarebbe possibile lasciare liberamente e naturalmente i familiari ed amici scambiarsi gesti di affetto e vicinanza e consolazione, anche in chiesa, senza avere la responsabilità (impraticabile!) di intervenire per far distanziare le persone che non appartengono al medesimo nucleo familiare. Aggiungiamo che proprio perchè per il culto e la catechesi non c’è l’obbligo di controllare e pretendere il green-pass, siamo tenuti ad una maggiore attenzione di osservanza delle norme anti-covid sopra citate. Potrebbe questo digiuno da questa preghiera comunitaria stimolare la ripresa della preghiera familiare in casa? Tanti piccoli gruppi di famiglie e amici nelle loro case, nel “segreto” di cui parla il Vangelo, non potrebbero forse elevare una preghiera di suffragio per il defunto e di consolazione per i suoi cari altrettanto forte e gradita a Dio? 

In questo tempo, che per certi versi potremmo definire con immagine biblica di “deserto”, non continua forse ad esserci Dio che guida il suo popolo ad una rinnovata scoperta della terra santa che è Gesù stesso vivo e presente in mezzo noi? 

Il desiderio della preghiera, che è già l’inizio della preghiera, e l’unione spirituale dei cuori che essa alimenta, sono beni a nostra disposizione sempre. La comunione spirituale in Dio va al di la dei muri e della morte. In attesa di poterci ri-unire senza limiti.


Don Gigi